Home

Brughiera autunnale

*visita la sezione DESKTOP


IN PRIMO PIANO:

L’INCREDIBILE VIAGGIO DELLE PIANTE

A molti se non a quasi tutti è noto l’albero di kaki di Nagasaki, sopravvissuto alla bomba H e divenuto simbolo di pace oltre che monito contro gli orrori di cui l’uomo è capace.

Con i suoi fratelli scampati alla medesima catastrofe viene chiamato oggi Hibakujumoku: un esempio estremo di resilienza.

La stessa resilienza che mostrano i pini della foresta di Chernobyl dopo l”esplosione del reattore 4 della centrale nucleare che ha generato la nube tossica diffusasi poi in mezza Europa… (Continua a leggere)

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

IL VULCANO NON DORME MAI

Vanessa Atalanta, Vulcano,  Red Admiral…  questa grossa farfalla delle ninfalidi ha tre o quattro generazioni all’anno e come tutte le farfalle della sua famiglia ha colori sgargianti,  nel suo caso i colori sono il rosso e il nero.

Non so perchè viene chiamata “Vulcano” forse per il rosso della lava, per il nero del terreno vulcanico, ma comunque sia è una farfalla molto comune anche alle mie latitudini dove di vulcani non ce ne sono…  (CONTINUA A LEGGERE)

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

SALOMONE IN BIANCO

No,  non è quella volta che il famoso Re si prese un bel due di picche dalla Regina di Saba.

Le cronache del tempo non ne parlano e sicuramente se i due protagonisti fossero vivi  mi querelerebbero immediatamente… (Continua a leggere)

sigillo salomone autunno

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – — 

CRINOLINE

Ooops… volevo dire Crysoline.

L’assonanza è forte, la sostanza invece è alquanto divergente… 

infatti la crinolina è tecnicamente una sottogonna rigida usata per dare maggiore volume agli abiti , alle gonne nella fattispecie (una specie di push-up ante litteram, solo che adesso si tende a gonfiare altre parti del corpo).

La crysolina invece è un insetto della famiglia dei Crisomelidi, parenti delle coccinelle, ma da non confondere con queste… (Continua a leggere)

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

RAGNETTO TOMBAROLO

Ci siamo incontrati per caso, in un luogo insolito, anche perchè se ci fossimo dati appuntamento lì qualcuno avrebbe potuto pensarci coinvolti in affari loschi.

… Messaggio in codice: ” Seconda fila a destra, campo B, granito nero con croce bianca…”

E invece lui non si aspettava certo di vedermi mentre portavo dei fiori su quella tomba… e nemmeno io… (Continua a leggere)

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

MESSAGE IN A BOTTLE

E’ arrivata una bottiglia qui sulla spiaggia di Porto Vado   tra barche di pescatori e  traghetti della Sardinia Ferries  e il biglietto che c’è dentro dice:   “Ama il mare come te stesso !”

… ma poi ne arriva un’ altra e il biglietto dice: “Save the beach”  è in inglese ma si sà le bottiglie con i messaggi arrivano da tutti i mari del mondo.

Comincia così questa avventura: conchiglie e bottiglie con messaggi ma la marea lascia sulla battigia molti altri oggetti e così i pescatori del Cral di Porto Vado decidono di raccoglierli e di metterli in esposizione  (continua a leggere) 

Immagine 214

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

L’UOMO CHE FERMO’ IL DESERTO

Sapevo vagamente dove fosse il Burkina Faso  fino a quando non ho incontrato Soumaila un Burkinabè che vive da anni in Italia con la sua famiglia.

Soumaila mi racconta una storia, una lunga storia che inizia negli anni ’70 quando un contadino cocciuto e paziente di nome Yacouba Sawadogo recupera una vecchia tecnica colturale  africana: lo “zai”, che consiste nello scavare buche nel terreno e riempirle di sterco e resti vegetali così da fermare l’umidità delle poche piogge che cadono nel Sahel. (continua a leggere)

yacouba-sawadogo-
Yacouba Sawadogo

TASHARRAFNA

Non capita tutti i giorni di fermarsi lungo il ciglio di una strada tra un campo di erba appena tagliata e la ferrovia.

A me non succedeva da un po’ di tempo; per questo è passato qualche minuto prima che la riconoscessi, che riconoscessi il suo fiore.

Lei è una mia vecchia amica, si chiama Andrena ( senza la I che altrimenti sarebbe Andreina);  il nome completo è Andrena Hattorfiana  ovvero Scabious bee.

Tasharrafna, le dico, piacere di incontrarti di nuovo. (continua a leggere)

DSCN2330
Andrena hattorfiana

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

IL GIARDINO DELLE SPEZIE

Zenzero, curcuma, noce moscata, cardamomo, cannella, vaniglia sono  in gran parte per noi polveri magiche dalle proprietà miracolose, afrodisiache, rigeneranti…

Ma il fiore com’è?  Ci è mai capitato di vederlo dal vivo?

Beh alcune di loro hanno avuto fortuna in Europa anche come piante da appartamento…  (continua a leggere)

hedychium coccineum
Hedychium coccineum

—————————————————

GOD SAVE THE GREEN

“…Dovresti avere almeno una piccola aiuola per conoscere quello che calpesti. Allora vedresti che nemmeno le nuvole sono così varie, così belle, terribili quanto il terreno sotto i tuoi piedi …”

“Il futuro non è davanti a noi poiché è già qui, sotto forma di germoglio, è già tra di noi, e ciò che non è tra di noi non ci sarà nemmeno in futuro…    se potessimo guardare il segreto formicolio del futuro tra di noi…evidentemente ci diremmo che grande sciocchezza sono la nostra malinconia e la nostra sfiducia, e che la cosa migliore di tutte è essere una persona viva, ovvero, una persona che cresce…..”   (Continua a leggere)

god save the green copia

——————————————————-

ARRAFFA TERRE

 Land grabbing è una espressione inglese per descrivere l’accaparramento di terre agricole nel sud del mondo da parte di grandi multinazionali e istituti bancari, a scopo speculativo e a danno delle popolazioni locali.
E il bello è che per questo colonialismo 2.0  non servono i fucili, è sufficiente il vile denaro… (continua a leggere)
 
 
landgrab
 
 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 
TIPI DA ORTO BOTANICO
 
Come faceva Federico Fellini a fare i casting?   A comporre il suo circo di personaggi stralunati, eccentrici eppure così genuini? Qualcuno prima di lui aveva provato a fare lo stesso esercizio, oppure no, l’intenzione era diversa il risultato invece simile.
 
Così la nave di Amarcord sembra attraccare in questo porto; sbarcano, entrano dalla porta nel  nel grande anfiteatro per una recita speciale soggetti di tutte le provenienze, fattezze, carattere, talento… (Continua a leggere) 
 
 
Cleome spinosa
Cleome spinosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: