OMAGGIO A FEDERICA GALLI

C’è chi dimostra il proprio amore per gli alberi abbracciandoli,  chi scrivendo poesie e pubblicando libri, chi, ancora,  usando meno l’automobile  o abbassando di un grado il riscaldamento di casa.
 
Federica Galli amava gli alberi incidendoli (no, non come fanno in tanti scrivendo “love” sulla corteccia).
 Lei è stata a mio avviso la pià grande acquafortista italiana del ‘900
 
Le incisioni di Federica Galli raffigurano spesso alberi spogli, quando l’albero privo di foglie rivela il suo scheletro, l’aspetto tozzo o slanciato del tronco, dei rami, insomma, come dicono gli esperti:  il portamento.

Così è facile in inverno restare incantati da questo intreccio di rami che disegna arabeschi sullo sfondo del cielo, apprezzare la forza dei tronchi, la spinta verso l’alto dei fusti di robinia o la classicità delle querce,  la chioma arrotondata del pioppo nero dalla punta triangolare e gli ontani con i piccoli frutti neri ancora appesi ai rami.

Sicuramente lei lo sapeva  come lo sapeva lo scrittore indiano Tagore:

“Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra per parlare al cielo”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...