PAESAGGIO CON FUNGHI

Sicuramente molti di voi preferiscono il risotto con i funghi, o la polenta, lo spezzatino, le fettuccine…  ma il paesaggio è un’altra cosa.

Così come è un’altra cosa aggirarsi nei boschi senza la smania di raccolgierne il più possibile calpenstando tutto e rovinando i funghi che non sono commestibili.

Ora, mi direte, il fungo se non lo mangi a cosa serve?

Ve lo spiego la prossima volta.

 Ma adesso torniamo a loro, al momento in cui hanno sentito impellente il bisogno di mettere la testa fuori, di andare a vedere cosa succede là sopra aprendosi la strada tra il terreno soffice, i muschi, le foglie umide di rugiada.

Eccone uno con ancora appiccicate delle foglie che però lo proteggono da sguardi troppo indiscreti, ecco una famiglia di mazze di tamburo che farebbero la gioia di percussionisti africani, ecco la famosa amanita muscaria, il primo fungo che i bambini piccoli colorano sui loro quaderni.

Fa caldo nel bosco, c’è un microclima (temperatura-umidità) che i funghi conoscono e sanno che è il momento per andare a vedere i colori dell’autunno, per respirare le prime nebbie, per farsi accarezzare dagli ultimi tiepidi raggi di sole.

E però la sorpresa è anche nostra, perchè è innegabile la sopresa e la gioia ogni volta di vedere un fungo nel bosco (pure se non siamo “fungiatt” incalliti).

Così mentre sto cercando la posizione giusta per uno scatto, mi giunge squillante la voce di un bambino:

– Papà, papà… vieni… un fungo !!!

Annunci

Un pensiero su “PAESAGGIO CON FUNGHI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...