LA SIGNORA CHE VOLEVA SOLLEVARE IL MONDO

C’era una volta in un piccolo paese del basso varesotto o dell’alto milanese una signora, dapprima giovane e poi anziana che faceva la maestra alle scuole elementari.

Il paese si chiama Lonate Pozzolo e il periodo è quello successivo alla “Seconda guerra mondiale”, quando ancora le maestre (e lei era una di queste) incutevano timore e rispetto agli alunni.
Alcuni dicono avesse un carattere spigoloso ma era anche estremamente eclettica, infatti coltivava al di fuori dell’insegnamento numerosi interessi (le lingue straniere, la botanica,  la tassodermia, la chimica, la musica, le incisioni su rame….) viaggiando e mantenendo rapporti epistolari anche con personaggi famosi tra cui Carlo Stucchi, medico di Cuggiono e importante ricercatore botanico italiano.

La signora in questione è Paola Zaro (1905-1989)  e al sottoscritto capitò una volta, alcuni anni fa, di presentare ad un incontro con gli alunni delle scuole medie, parte del suo “Herbario” pur essendo, forse, la persona meno adatta, pur non avendola conosciuta da viva.

Allora, prima che inizi (o continui) l’oblio ecco un piccolo omaggio, una piccola porzione del suo sterminato erbario.

La signora che voleva sollevare il mondo (come Archimede e le sue leve) o forse venderlo, come The man who sold the world di David Bowie, ha però ancora molti segreti.

Chissà se avrò occasione di raccoltarli.

Annunci

Un pensiero su “LA SIGNORA CHE VOLEVA SOLLEVARE IL MONDO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...