IL RITORNO DI NUVOLA GIALLA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Era lui, sono sicuro, anche se ero in macchina sulle strade che costeggiano il Parco Nord di Milano, e non ho potuto fermarmi a salutarlo.

Era lui, vestito di tutto punto, di un giallo vivo e allo stesso tempo discreto per non disturbare gli alberi attorno ancora spogli.  Faceva compagnia a un mendicante da semafori urbani di un qualche paese dell’est Europa (Cornus mas  o corniolo, no, non il mendicante ma il mio amico albero).

Il semaforo diventa verde e parto con un occhio alla strada e l’altro alla macchia di colore che arriva da un piccolo albero sul bordo del parco. Stavolta è un salicone, no, non un mendicante di un’altra area geografica, ma un alberello che ha fiori maschili su una piante e fiori femminili su un’altra (pensa le api che fatica, neanche fossero i postini di Maria De Filippi).

Altro semaforo. Il mendicante mi batte con le nocche sul vetro ma anche stavolta non ho pietà di lui:  ho appena letto il racconto di uno scrittore che dopo aver scritto  un libro dal titolo “I dodici mestieri più redditizi” va a fare il mendicante perchè è quello più vantaggioso in termini di fatica/guadagno.

Però mi ha fatto piacere rivedere il mio amico corniolo “nuvola gialla“; mi ricorda che la primavera ormai è vicina, o forse sono contento oggi perchè ho rivisto un’amica…. la veronica persica con quei suoi occhi più blu del blu del cielo.