CRONACA NERA (E GIALLA)

Ragno  Thomisus onustus che cattura un'ape
Ragno Thomisus onustus che cattura un’ape

Sul “Gazzettino delle sterpaglie” è apparsa questa notizia:

Oggi un’ape è stata catturata da un Thomisus onustus, un ragno che si nasconde mimetizzato sui fiori e uccide le sue prede quando si posano su di essi in cerca di polline.

L’ape che era con lei, miracolosamente sfuggita all’assalto ha riferito alle altre api: “Sorelle, ho una brutta notizia da darvi, Camilla una delle nostre valorose api bottinatrici è stata uccisa da un ragnaccio giallo che si era appostato vigliaccamente dietro un fiore di ranuncolo. Il cielo era azzurro e i fiori ondeggiavano al vento ma tra tutto quel giallo vegetale c’era anche un ragno giallo, un giallo animale che cattura le api gialle e nere e sazia la sua fame”.

La notizia è stata immediatamente ripresa dalle altre agenzie di stampa: Un noto entomologo così commenta l’accaduto sulle pagine del Corriere: “I ragni debbono pur vivere di qualcosa, i ragni mangiano anche prede più grosse di loro,  e lui, il Thomisus onustus è bravissimo, un vero campione di mimetismo perchè riesce a cambiare colore secondo il colore del fiore dove si apposta per catturare le sue prede”.

Ma in giro c’è aria di protesta, preoccupazione, anzi insofferenza;  L’agenzia Press People riferisce: “NO,  davvero, non se ne può più con questi teppisti che si appostano dietro un filo d’erba:  taccheggiano, rapinano, stuprano innocenti imenotteri intenti solo al loro dovere, se non si pone rimedio le api entrerenno in sciopero e allora addio miele”.

Ancora la testimonianza dell’ape operaia: “L’ho visto, ma non ho fatto in tempo ad avvisarla. Stavo volando su un prato di buglosse lì, vicino alla rotonda per Tornavento e il mio punto di osservazione era migliore del suo. Non potete capire il mio dolore quando l’ho vista cadere sotto quelle zampe pelose”.

Il settimanale  di approfondimento culturale Life nature fa le seguenti considerazioni: “Quante api muoiono ogni anno vittime dei ragni?  Non lo sappiamo. Ma forse ne muoiono di più a causa dell’inquinamento, della siccità, a causa dei parassiti che si introducono nelle loro arnie cibandosi di miele e delle loro ninfe.  I ragni sono il male minore, per loro vale la legge naturale della sopravvivenza”.

E da ultimo su “News delle news” ecco un titolo a sette colonne: OMICIDIO AL SOLE  

Ragno  Thomisus onustus uccide apis mellifera mentre stava raccogliendo il polline su un ranuncolo.

Dove sta la notizia?

Che una volta tanto non si parla di politica, di scandali, di calcio e di scommesse,  o di tutte queste cose assieme.

Annunci

Un pensiero su “CRONACA NERA (E GIALLA)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...