NELLA RADURA

Questo slideshow richiede JavaScript.

– E se facessimo un giro al Ticino?

– Non posso, devo lavorare….  fa troppo caldo…  devo accompagnare mio fratello dal meccanico… ho appena lavato la macchina e non voglio sporcarla…

– Beh, tanto ci andavamo in bici!…

Quando faccio queste proposte ai miei amici diventano immediatamente seguaci di Jhon Belushi nella scena del film “The blues brothers” dove si inventa le scuse più inverosimili per impietosire la sua ex che pare fermamente decisa ad ucciderlo.

Peggio per loro. Fa caldo sì, ma una bella doccia, dopo, ti rimette al mondo.

Eccomi qui, allora sulla sponda destra del Ticino a cercare un fiore raro:  il Gladiolo piemontese (Gladiolus imbricatus L.).

Il suo habitat sono i terreni calcarei, nelle radure ai margini dei boschi e io questa radura la conosco bene, ci venivo a cercare le orchidee, che da qualche anno però non riesco più a vedere  (forse non posso io quando loro sbocciano).

Il gladiolo piemontese c’è, con la sua spiga rossa leggermente arcuata. E’ un fiore ormai raro(e protetto sia in Italia che in Svizzera dove è a rischio di estinzione)  Sarà perchè il suo nome rimanda al Piemonte ma  sulla sponda lombarda non l’ho mai visto. Non avrà per caso ascendenze sabaude. Di un fiore così si dice che è endemico (no, non anemico) cioè con una diffusione circoscritta ad un’area ben precisa. Se però andiamo a vedere gli altri gladioli selvatici, troviamo che, con le diverse specie, sono diffusi un po’ in tutta Italia.

A questo punto però non posso non raccontare degli altri incontri: le farfalle prima di tutto, La Galatea (Melanargia galathea), farfalle bianca e nera tipica della stagione estiva, amante dei cardi, la Dafne (Brenthis  daphne), farfalla color ruggine che invece preferisce i rovi e poi la Maniola jurtina, meno affacinante ma ugualmente diffusa negli stessi ambienti di radura.  Ecco una Cimice assassina tra un Garofano dei certosini (Dianthus Carthousianorum) e un Garofano selvatico (Dianthus Sylvestris) e il delicati petali gialli dell’Eliantemo (Helianthemum nummularium Miller)

Esco dalla radura che sono tutto graffiato dai rovi e dalle rose, ho nelle scarpe e attaccati ai pantaloni una quantità imprecisata di semi e in faccia qualche ragnatela,  ma ne valeva la pena.

Per fortuna le zanzare mi hanno ignorato:  ho il sangue così cattivo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.