BITTERSWEET SYMPHONY

Colorfull !! direbbe la turista inglese o americana, ovvero “Pittoresco” con inconfondibile accento. Quell’accento che anche noi Italiani ci portiamo quando andiamo all’estero e che ci smaschera subito.

Ma qui non si tratta di accento, o forse si, come direbbe un compositore, è l’accento, la “coloritura” che dà carattere a un brano musicale (lascio questo terreno scivoloso per me che non sono un esperto in questo campo sennza prima però rammentarmi che, se si dice “sinfonia di colori” , qualche attinenza tra musica e colore c’è sicuramente).

Allora, dov’è questa sinfonia?  E come si fa ad ottenerla senza strumenti musicali?

Immagine 172Coloro che curano i giardini fioriti lo sanno benissimo, ma non bisogna essere giardinieri professionisti, basta un po’ di esperienza e di gusto per i colori ed ecco che il giardino di luglio si riempie di nuovi colori (no, scusate, quelli erano i giardini di Marzo  di Mogol-Battisti).

Il Girasole (Helianthus anuuus) è una pianta annuale originaria del Nord e Sud America, naturalizzata in molte parti d’Italia, nelle regioni delle Alpi francesi e in Austria. E’ molto noto per il suo comportamento che scientificamente si chiama eliotropismo: rivolge cioà sempre il capolino verso il sole.

 La Canna indica, (conosciuta anche come achira, achera, sagú, capacho, biri, cucuyús, juquián o papantla) è una pianta originaria del Centro e Sud America, da noi è una pianta ornamentale ma nei luoghi di origine il rizoma carnoso viene utilizzato per scopi alimentari: è infatti ricco di amido.

L’ Ortensia (Hydragea Hortensis) è arbusto che ama la mezz’ombra e varia il colore dei fiori, da azzurro a rosa secondo il grado di acidità del terreno.

L’Althea è una malvacea conosciuta con il nome popolare di Bastone di S. Giovanni perchè fiorisce attorno a fine giugno.  E la Portulaca (Portulaca Oleracea)? ne esistono diverse specie più o meno ornamentali, questa però è davvero stupenda per la varietà di colori e per la fioritura prolungata

In ultimo ecco anche una liliacea ovvero l’Agapanto. E’ un giglio sudafricano, non si mangia, ma se dovesse andare avanti così la crisi chissà…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...