IL CACCIATORE DI STELLE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lontane… lontane, intoccabili… con quella luce fioca che si vede solo di notte, No, non sono loro, ma altre di verde clorofilla che sta cercando il bombo.

Voi magari avrete pensato: chi sarà mai questo “cacciatore di stelle” e invece è solo un pretesto per parlarvi di questi insetti che da alcuni sono scambiati per calabroni ma che in realtà appartengono al genere “Apidae” come le api  mentre i calabroni sono delle vespe.

E le stelle allora cosa centrano?

Diciamo che c’entrano perchè i fiori sui quali li ho fotografati, il Sedum maximum o Borracina sono a forma di stella (vai all’articolo)

E allora i bombi, queste api un po’ pelose e obese si cibano anche loro del nettare dei fiori.

I bombi (per gli anglofoni “Bumbles bees”) sono insetti sociali che vivono in piccole colonie, formate da pochi esemplari.  Infatti quel loro essere così paciosi li rende poco inclini al moto perpetuo, a quel ronzare infinito tipico dei dintorni di un alveare di apis mellifera.

Anche il modello economico è diverso, infatti i bombi non sono capitalisti come le api, non accumulano il nettare e non lo trasformano in miele. Il vantaggio è che non vengono “sfruttati dagli uomini”, lo svantaggio è che, racogliendo solo il nettare che basta per alcuni giorni, si trovano in difficoltà in caso di prolungati periodi di siccità.

I bombi più comuni sono  il Bombo degli orti (Bombus terrestris)   caratterizzato dall’ultima fascia dell’addome di colore bianco  e il Bombo dei campi (Bombus pascuorum) dal corpo e dalla testa arancio-peloso tanto che a me fa venire in mente il cappello di David Crockett.

I bombi ancora vanno a caccia di stelle, si aggrappano ai fiori come se fosse per loro l’ultima occasione.

E probabilmente lo  è:  solo le femmine  fertili infatti sopravviveranno all’inverno  per dare vita a primavera a una nuova generazione.

Non so perchè ma mi assale un velo di tristezza…   

Ritorno verso casa mentre nella testa mi riecheggia “Madness”  dei Muse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...