VPC

Questo slideshow richiede JavaScript.

Potrebbe sembrare un errore di stampa ma non lo è. Infatti se fosse PVC questo sarebbe un tipo di plastica (Polivinilcloruro)  un materiale con il quale oggi si costruiscono tubi per edilizia ma anche pavimenti, pellicole per imballaggio e vestiti.

Il presunto errore di stampa è allora frutto delle mie perlustrazioni in brughiera.

Intreccio i miei passi in questo periodo con i cercatori di funghi, uno di loro mi fa vedere con orgoglio i “rusitt”  (Rossino, Leccinum aurantciatum )  appena raccolti,  spavento una coppia di fagiani mentre mi addentro tra i cespugli di brugo e saluto un gruppetto di quaglie di passo; avverto fruscii per fortuna innocui delle lucertole e il piccolo dolore delle spine dei rovi che si attaccano ai miei calzoni e alle mie gambe.

Vanessa io
Vanessa io

Tutto normale se non fosse per il passaggio sopra la testa di grossi uccelli di metallo, uccelli ai quali abbiamo fatto pericolosamente l’abitudine.

Chissà cosa pensano i passeggeri lassù, chissà se si sono chiesti cosa sta facendo un pazzo in mezzo alle sterpaglie.

Sta osservando lo spettacolo delle Vanesse che si asciugano le ali dopo la pioggia, che si nutrono con il nettare del brugo. Sono l’ultima generazione prima dell’inverno e il loro sciamare assomiglia quasi a quello delle api, ancora molto attive, inutile dirlo, in questa prateria viola che incomincia a colorarsi di autunno,

Vanessa C bianco
Vanessa C bianco

Le vanesse in questione sono la Vanessa Pavone (Inachis io) e la Vannessa C bianco (Comma per gli anglofoni), entrabe  presenti in gran numero in questo momento in brughiera.

Sono due farfalle facilmente riconoscibili: la prima per i suoi occhioni azzurri, la seconda per la piccola C bianca disegnata sulla parte inferiore delle ali come un tatuaggio.  E se ha le ali aperte?  Allora la notiamo perchè ha le ali molto smarginate.

Le farfalle mi girano attorno, quasi mi fanno la corte e io le invito a passare l’inverno da me, infatti queste specie svernano come adulti nelle cavità degli alberi o negli anfratti dei muri o sottotetti di case, chiese, cascine.

Accetteranno l’invito? 

Ve lo dico a primavera.

vedi anche:   

BELLEZZA E PAURA

Vanessa io
Vanessa io
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...