ROLLING STONES

Rolling Stones

Sarebbe stato troppo facile incominciare con i versi di Bob Dylan, specie se l’ispirazione ti è venuta dalle parti di Porta Ticinese mentre stai cercando un kebab da mangiarti nel Parco delle basiliche tra S. Lorenzo e S. Eustorgio.

Certo le pietre che rotolano appartengono ad ere geologiche, sono parenti del Riss, del Mindel, forse del Jagger e se hanno la lingua fuori non è per affanno ma per impertinenza.

O forse un po’ di affanno ce l’hanno, dopo tutto questo rotolare giù dalla montagna in compagnia prima dei ghiacci e dopo delle acque del fiume. (with no direction home)

Così capita che un mattino assolato di primavera queste pietre si ritrovino sul greto di un fiume  (il Ticino in questo caso, ma potrebbero essere anche altri) frammiste alla sabbia dell’ultima piena:

Ghiaione in riva al Ticino

sassi Ticino

– Tu da dove vieni ? chiede una pietra di granito rosa  ad un ciotolo di serpentino verde.

– Vengo dalla Val Formazza  e tu?

 

– Io vengo da Baveno sul Lago Maggiore. Si stava bene lassù, il clima era mite, il panorama splendido. Ma conosco pietre che vengono dalla Val Formazza e perfino dalla Svizzera.

– Io ho abitato per un po’ in collina, una collina morenica- interviene un’altra pietra – mi ero fidanzata con il ghiacciaio Wurm  ma poi lui è tornato indietro e mi ha lasciata.  Meglio così: non era un tipo molto caloroso.

– Ah ma allora sei giovane – non sei come noi che apparteniamo a era glaciali più antiche- guarda io è da così tanto tempo che rotolo che avrei potuto fare 10 volte il giro del mondo.

– Ma lo sai che rotolare fa bene alla pelle? guarda come sono liscia e senza una ruga dopo più di un milione di anni.

– E quella laggiù ? perchè se la tira tanto?

– E’ del Villafranchiano,  un era glaciale precedente alla nostra. Dice che lei è qui da milioni di anni  e nessun fiume è riuscita a farla rotolare a valle.

-Da quanti milioni di anni?

– Mah … sai, non è bello chiedere l’età neanche a una pietra

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Da dove arrivano i sassi del Ticino e da quanto tempo sono qui?

Il fiume Ticino ha un bacino imbrifero vasto 6.000 Km quadrati. la metà dei quali in Svizzera: certo la forza delle acque non è abbastanza per spostare grossi massi ma ciotoli, sabbie e ghiaie sì.

3c  bacino idrografico Ticino
bacino idrografico fiume Ticino

 

Il grosso del lavoro l’hanno fatto i ghiacciai di diverse ere glaciali ; quelle più recenti del Quaternario (il Mindel, il Riss, il Wurm) hanno portato a valle tantissimi detriti formando le colline moreniche e il livello base della pianura  che i fiumi hanno poi scavato per aprirsi una strada verso il mare.

carta geologica dettaglio copia
glaciazioni quaternario – particolare

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Se proprio volete saperlo il Quaternario coincide con la comparsa dei primi ominidi sulla terra ed è iniziato circa 1.800.000 anni fa.

La glaciazione più recente si è conclusa 10.000 anni fa.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...