UNA PASSEGGIATA CON HERMAN HESSE

OltreilTempoeloSpazio

Apollo

(Una passeggiata sul lago dei Quattro Cantoni)

Il viandante se ne stava solo, sdraiato di fianco al sentiero, sotto il sole caldo. Il suo sguardo seguiva il gioco della luce sulle rocce gialle, l’orecchio si lasciava accarezzare dal rumore scrosciante del torrente alle sue spalle che giungeva da lontano, lieve e continuo. La sua anima, in un tenue dormiveglia, stava come un uccello con le ali spiegate sul paesaggio luminoso della sua infanzia. Una farfalla marrone volò lentamente oltre il muro della strada e attraversò con la linea inquieta del suo volo la silhouette della stretta superficie del lago, che rifletteva la sua luce negli occhi dell’uomo sdraiato. Sul fondo verde scuro e brillante, il colore opaco delle ali della farfalla sembrava più chiaro e più ricco. I bordi delicati tremolavano diventando una striscia di luce biancastra, come se il loro stesso contorno mosso e netto attirasse la luce.

View original post 394 altre parole

Annunci

2 pensieri su “UNA PASSEGGIATA CON HERMAN HESSE”

  1. Gran bel racconto, c’è un errore nel titolo ovvero manca una e di Hesse…
    Complimenti per il blog l’ho scoperto solo recentemente ma lo seguo assiduamente

    1. Grazie per il commento. Fa sempre piacere scoprire nel mare magnum del web qualcuno che ci segue. Spero di continuare se il tempo e l’ispirazione me lo permettono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...