IL GIARDINO ZEN

Immagine 775

Niente anatre oggi là dove mi aspettavo di vederle ma solo qualche gabbiano che vola via con il suo verso stridulo.

Nessun altro segno di vita, anzi no, c’è il fruscio dell’acqua che scorre, ci sono gli alberi e i sassi.

Sono vivi i sassi?  O sono materia inerte come pretendono i muratori, i contadini?

Poi  da lontano scorgo una ragazza.  Ha capelli neri e un cappotto rosso fuoco.   Cosa l’ha spinta qui sulla riva del fiume in questo pomeriggio invernale.

Cammino nella sua direzione  proprio mentre lei si alza e decide di andarsene. Ci scambiamo un rapido cenno di saluto.

Tutto intorno silenzio e calma.

Sulla sponda del fiume dove stava la ragazza ecco un recinto di sassi, come a formare  un piccolo cortile pulito da rami e foglie: sembra quasi un giardino zen.

E infatti ecco le prove. Disegni concentrici sulla sabbia finissima:  un sole con i pianeti attorno, un anello con tanti brillanti, il grande mare e i laghi come occhi che lo guardano…

Immagine 777

Ok non c’è la perfezione orientale, sicuramente non è stato usato il rastrello per fare quelle righe sulla sabbia… si vedono anche lunghe scie lasciate dalle ruote di biciclette, orme di scarpe, segni inequivocabili di una civiltà occidentale alla quale per forza di cose appartengo

Forse è la ragazza che ha fatto il disegno o forse no, ma non posso più chiederglielo: ormai è sparita dietro la boscaglia.

Io qui, invece, che cosa sto cercando?   Questo paesaggio così aspro e spoglio tuttavia mi dà buone sensazioni, mi fa stare bene.

Osservo i teneri germogli di Enothera spuntare dalla sabbia, farsi rossa rosa appiattita su un tappeto di sassi.

Perchè io e la ragazza con il cappotto rosso fuoco non ci siamo abbracciati?

Immagine 784

Annunci

2 pensieri su “IL GIARDINO ZEN”

  1. Sono paesaggi da meditazione, la distesa di sassi e il cielo, l’acqua che non c’é, ma sembra scorrere comunque, o comunque qualcosa scorre e sembra accarezzare ancora i sassi. Il disegno della ragazza sembra simboleggiare la circolarità del piacere in centro e una serie di impronte di baci intorno. Chissà a cosa stava pensando … 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...