RED CARPET

Red Carpet

Un tappeto rosso, solo per me, per me che non vincerò mai un Oscar, che non mi farò mai accompagnare da donne bellissime, né tanto meno aspiro a finire sulla “walk of fame”.

Il mio tappeto rosso è fatto da tanti filamenti di seta, da un morbido pavimento di velluto.

Sono qui, ancora una volta, in questo inverno asciutto, sulla riva del fiume.

Steli secchi di Enothera e di Solidago  interrompono la monotonia dei sassi, fanno quasi da paravento ai nudi rami dei pioppi.

Se tu fossi qui ti direi che questo tappeto rosso/arancio  non è altro che una distesa di muschi, che questa “ruggine” è il risultato di milioni di piccoli steli in cima ai quali stanno le capsule con le spore.

Sento già te che esclami: – Ma qui è tutto morto !!

E invece no, il muschio può resistere a lunghissimi periodi di siccità, secca ma non muore e alla prima pioggia ridiventa verde brillante, e poi, ascolta il martellare del picchio!  Se c’è lui ci sono anche alberi caduti e insetti che ne mangiano il legno.  (- Che schifo! )

Se tu fossi qui…

Immagine 518

Foglie secche di pioppi si sono adagiate come petali di rose sul rosso tappeto di muschi, il cielo minaccia pioggia (finalmente).

Cammino verso casa cercando invano le orme dei tuoi passi sulla sabbia.

Immagine 757

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...