IL FUSTO FERTILE

Immagine 065

Mi spiace scomodare Amleto per così poco ma  è il primo pensiero che viene a tutti quando vedi questi turrioni con cappuccio macchiettato che escono dal terreno umido al bordo di fossi e rogge, al margine di freschi sentieri di bosco o di campagna.

E’ un fungo o non è un fungo? Questo è il problema per chi lo vede la prima volta.

In realtà  non sono funghi ma gli esemplari fecondi di una pianta preistorica: l’equiseto.

Pianta “primitiva” che si propaga attraverso le spore, come le felci, presenti sui fusti fertili (quelli che assomigliano a funghi) senza clorofilla  e che precedono la crescita dei fusti sterili, verdi e ramificati, praticamente senza foglie, che gli hanno fatto guadagnare il nome popolare di “Coda di cavallo“.

La specie più diffusa è l’Equisetum arvense, molto utilizzato anche in farmacia;  le sue proprietà benefiche erano conosciute già nell’antichità tanto che ne parla anche il più famoso botanico dell’era romana ovvero Dioscoride.

Ovviamente gli esempi si sprecano: caduta dei capelli, mal di gola, problemi di vescica, calcoli renali,  persino se vi puzzano i piedi. (Chissà se al povero Amleto puzzavano i piedi?  Tanto,  con quel teschio in mano, quello dei piedi è un dettaglio senza importanza, NO?)

L’Equiseto è anche ricco di silicio, cosa che lo rende particolarmente indicato  per mantener le ossa robuste e prevenire quindi l’osteoporosi. (qui tutte le indicazioni terapeutiche)

Che strano che tutto ciò sia possibile utilizzando un fungo non fungo, una coda di cavallo  ricca di minerali.

Ma non è finita qui.

Volete lucidare le pentole e i suppellettili di metallo?  La ruvidezza della Coda di cavallo è l’ideale e a tale scopo veniva abbondantemente  usata dalle massaie le quali non disdegnavano neanche di utilizzarne una parte nelle zuppe.

Immagine 043

Chissà forse ne hanno preparata qualcuna anche tra le nebbie della Danimarca prima o dopo  un’apparizione di fantasma, un tradimento o un duello mortale.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...