S. GIUSEPPE E IL GELSOMINO

Jasminum nudiflorum

“Giuseppe affrettati, il tuo fiore sta per sbocciare!”

“Un attimo, devo ancora finire di piallare questa tavola di legno…”

“Giuseppe, il tuo fiore è già sbocciato e siamo solo alla fine di febbraio… Si lo so, la tua festa è il 19 marzo, che bisogno c’era di tutto questo anticipo?  Perchè  i santi (anche se santi umili come te) si devono piegare ai capricci della stagione?”

Beh, però ormai non è più un fatto inconsueto. Il calendario dei fiori è tutto sballato. Ne sa qualcosa anche S. Benedetto e la sua rondine (e anche il tetto). E se la gazza ha già provveduto a costruire il suo nido più o meno per S. Valentino tutti noi ogni anno siamo in trepida attesa per vedere se le mimose fioriranno in tempo per l’8 marzo.

Così,  mentre il tuo fiore è già sbocciato tu te ne stai ancora a bottega a piallare una tavola di Spino di Cristo (Gleditsia triacanthos) a chiederti cosa farne di un tronco di Albero di Giuda  (Cercis siliquastrum) anche se per te non si chiamavano così…

Beh, neanche il tuo gelsomino che è originario della Cina ed è arrivato da noi molto dopo la tua esistenza terrena.

Gli scienziati lo hanno chiamato “nudiflorum” perchè la fioritura, fatta di migliaia di fiori gialli non profumati, avviene prima della comparsa delle foglie (simile in questo ad altre piante tipo il pesco, il nocciolo, il mandorlo, il susino…)

Le foglie sono piccole, appuntite, riunite tre a tre, (come i “petali” del trifoglio) attaccate a rami angolosi.

Alcuni dicono che fu portato da Vasco da Gama, navigatore portoghese che per primo raggiunse l’India via mare (alla faccia di Cristoforo Colombo), altri dicono che quello che sarebbe diventato il Gelsomino di S. Giuseppe è arrivato in Europa solo nel 1844 (si ignora il mese e il giorno).

Ma tu l’hai accolto come a suo tempo un figlio (dicono) non tuo e gli vuoi bene lo stesso anche se fiorisce sempre in anticipo: rustico, resistente, leggermente pendulo, (come te, piegato sul tavolo da falegname), amante del sole e come il sole giallo, di un giallo splendente, che illumina l’inverno e questi primi giorni di marzo che  già annunciano la primavera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...