ESSERE PRECOCI

E’ un vantaggio o uno svantaggio?

Educatori, pedagogisti, psicologi ne dibattono da decenni.

Arrivare a fare certe cose prima degli altri, cioè prima della media dei propri coetanei, essere bambini prodigio, a cosa serve?

In campo vegetale la precocità si declina come la maturazione anticipata del frutto rispetto ad altre specie simili e se andiamo nello specifico della frutta e verdura incontriamo il termine: “primizia“.

In questo caso essere i primi, arrivare prima degli altri, aumenta il proprio valore,  infatti le primizie costano di più ma molti non si fanno ingolosire e aspettano che i prezzi scendano.

Che genere di precocità sarà invece quella del Calicanto invernale (non a caso chiamato Chimonanthus Praecox) ?

Calicanto invernale

Sta di fatto che lui ci prende gusto a fiorire in pieno inverno, a solleticare l’olfatto dei passanti con il suo profumo di limone che ogni volta ti sorprende, ti fa girare la testa, come fosse una bella ragazza, per capire da dove arriva quel profumo: un giardino, un parco, dietro un alto muro di cinta…

Nocciolo

Un’altro soggetto che di precocità se ne intende è il Nocciolo, salta tutta la fanciullezza e passa subito alla fase pre-adolescenziale. I fiori maschili sono già presenti sulla pianta a fine autunno: piccoli amenti penduli, verdastri e compatti. A fine inverno si allungheranno e cambieranno colore: dal marrone al giallo oro, si apriranno,  lasciando che il vento trasporti il polline a fecondare il fiore femminile.

Corylus avellana fiori maschili

Quest’ultimo è un piccolo ciuffo di peli rossi, poco appariscente; ha però il pregio di comparire sulla stessa pianta solo al momento giusto cioè quando il fiore maschile è maturo.

Corylus avellana – fiori maschili e femminili

Che intesa sessuale perfetta !!

Nel bosco ancora non sono comparse le foglie ma c’è un piccolo albero che per primo ingrossa le gemme florali, piccoli batuffoli di cotone nel mare spoglio dei rami.  E’ il Salicone, ovvero salix caprea; pare sia molto appetito da questo mammifero ma anche dalle api ovviamente; più che un salice assomiglia a un melo ma questo lo scopriremo più tardi, dalle sue foglie.

 

La sua precocità sono batuffoli di fiori gialli ( i maschi) e verdi (le femmine) su piante differenti;  le femmine del Salicone saranno più vistose più tardi quando il frutto aprendosi affiderà al  vento  il seme avvolto in una morbida peluria bianca.

Salix caprea (f) – Salicone

Ecco, siamo ormai quasi sul limitare della primavera e io devo andare nel bosco a incontrare il mio amico “nuvola gialla” ovvero il Corniolo; lui è l’ultimo dei precoci, arriva prima dei prugnoli, dei peschi degli albicocchi (nella mia zona non ci sono i mandorli) è una nuvola gialla che fa a gara con le nuvole di marzo, anzi più che una nuvola è un velo leggero di minutissimi fiori gialli.

Si gode il suo momento di gloria, un momento che non si nega a nessuno ma che bisogna saper scegliere, e lui se lo è scelto molto bene.

Anche lui è un albero di piccole dimensioni ma capace di strapparci dal torpore dell’inverno, di farci rinascere a nuove speranze.

——————————————————–

Eccoli qui i nostri “precoci”; magnifici per un minuto, un giorno, una settimana perchè tra poco, immersi nel verde delle foglie nessuno si accorgerà di loro.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...