SENSI IN CAMPO

Sensi entra  in campo al minuto 52  con la maglia numero 12.

Il campo è già abbondantemente calpestato da contadini, agronomi, appassionati di giardinaggio, mamme e bambini.

Dove metteremo Sensi con il numero 12?  sulla fascia destra o sinistra?  in attacco o in difesa?

No lui, anzi loro, spazieranno per tutto il campo, saranno dappertutto.

Ma un attimo, i sensi non erano cinque (a parte il  sesto che  invece stava in panchina pronto ad entrare in qualsiasi momento)?

Eh no, stavolta i sensi sono 12: vista, udito, olfatto, tatto, gusto…    ma mani nella terra e naso nel vento avete mai provato a coltivare il senso dell’io, o il senso del calore o (imprescindibile) il senso della vita?

SENSINCAMPO  è una partita che si gioca a Cascina Nosedo    periferia sud di Milano, no forse ancora metropoli,  per ricucire l’antica via che dalla basilica di Sant’Eustorgio porta all’Abbazia di Chiaravalle.

Coltivare la terra per coltivare sè stessi è il motto del primo orto steineriano  in Italia ed è tra i vincitori del bando “OpenAgri” del Comune Milano

In un terreno di due ettari e mezzo oltre alle aiuole con le erbe, scelte con cura in base ai dodici sensi, ci saranno una struttura geodetica,  pannelli solari, mulini eolici, una cintura di alberi e anche un micro digestore, per trasformare gli scarti in risorsa.

Inutile dire che si potranno fare molte e diversificate attività didattiche.

Il progetto mi sarebbe apparso molto lontano se a proporlo e a cercare i fondi per realizzarlo non fossero due mie (quasi) carissime amiche.

Il progetto è così  bello che ha bisogno anche del vostro aiuto, infatti è attiva una campagna di crowdfunding alla quale potete partecipare cliccando questo link:  https://www.produzionidalbasso.com/projects/17346/support

O se preferite, prima scaricate e guardate la presentazione del progetto completo:        SensInCampoPpt

 

Annunci

2 pensieri riguardo “SENSI IN CAMPO”

  1. Hei Luciano! Sono Sondra una delle tue due (quasi) carissime amiche milanesi! Grazie grazie grazie! Quando ti leggo mi emozioni,mi fai ridere ,sorridere , a volte un pó arrabbiare quando racconti di natura ferita dai mali della ns specie,ma non mi lasci mai indifferente! Il tuo modo di raccontare le erbe e i piccoli animali loro compagni é magico! Bravo Luciano! La storia di Milla e Fiordaliso é poesia. Un abbraccio fiorito a te e ai luoghi di cui narri l’incanto. Buon inizio d’estate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.