DA UN’ALTRA PARTE IL CIELO

 

Annodammo la nostra infanzia ai capelli delle nuvole

e non fu la poggia, fummo la pioggia;

La mano dell’uomo ci sradicò dall’aria

e lungo i canyon della nostra pelle

attecchì il pensiero;

le nuvole furono scrittura,

la nostra voce un nodo sciolto,

noi da una parte, da un’altra parte il cielo.

 

 

Pierluigi Cappello

 Da “Un prato in pendio”, Rizzoli, 2018
Annunci