SFINGE COLIBRI’

Allora,  in questa storia sono coinvolti molti personaggi, alcuni dei quali insospettabili.

 

Un animale fantastico legato ai miti dell’antichità, con il corpo di leone e la testa umana o di uccello  (la sfinge)

Grande sfinge di Giza

IL formaggio, ovvero la pianta che veniva usata un tempo per far coagulare il latte e farlo diventare il prezioso alimento (il caglio)

Galium verum

Un santo o meglio la sua lingua oggetto di un tentativo di furto vero nel 1991 e poi di un furto cinematografico nel 2000  (S. Antonio di Padova e il film  “La lingua del  Santo”  di Mazzacurati.

Basilica del Santo – Padova

Un uccellino sudamericano instancabile dal lungo becco e dal velocissimo battito d’ali (il colibrì)

Colibrì

E infine in questa storia c’è anche una falena ovvero  la Sfinge colibrì ovvero  Sfinge del caglio, ovvero Uccellino di S. Antonio.

E dunque, come si sarà capito questo animaletto è semplicemente è una farfalla anche se, vedremo, un po’ particolare.

Tecnicamente sarebbe una falena ma contrariamente a queste ha abitudini diurne e crepuscolari ma non possiamo nemmeno definirlo come falena diurna.

IL suo nome scientifico è Macroglossum stellatarum; macroglossum vuol dire lingua lunga (no, non nel senso che va in giro a diffondere i segreti di tutti) ma perchè ha una spirotromba particolarmente sviluppata e che inserisce con fulminea rapidità nei calici dei fiori per succhiarne il polline.

Sfinge colibrì

La rapidità è anche quella del suo battito d’ali (circa 200 al secondo) croce e delizia di tutti i fotografi che cercano di immortalarlo.

Infatti si nutre senza posarsi mai sui fiori in un volo furioso ma anche capace di stare fermo sospeso in aria un po’ come altri insetti quali le libellule o  i sirfidi , come  alcuni pipistrelli  e ovviamente i colibrì ai quali lo fanno assomigliare anche il corpo tozzo e le dimensioni

Il bruco invece si ciba principalmente sulle piante del caglio (Galium verum ) da qui il nome di Sfinge del Caglio.

Bruco di Macroglossum stellatarum

E’ una farfalla migratrice diffusa in tutta l’Eurasia del sud e nel nord-Africa ma mi dicono che potrebbe anche svernare in casa vostra nascosta in qualche anfratto come altre specie di farfalle e (purtroppo) le cimici.

Mi dicono anche che vederla porta  fortuna e da questo punto di vista sono più fortunato del “ragazzo fortunato” di Jovanotti.

Sfinge colibri su zinnia

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.