Archivi tag: Genista tinctoria

GINESTRA E I CARBONAI

Che la ginestra, questa ginestra (Cytisus scoparius) avesse a che fare con i carbonai (antico mestiere ormai in estinzione) era abbastanza noto.

Ma la ginestra in un modo o nell’altro può essere collegata anche ai tintori di tessuti, ai poeti, pittori, banditi e perfino pizzaioli.

Non ci credete?

E allora partiamo da qui da un altopiano siciliano vicino a Palermo noto come Portella della ginestra:

Era una bella giornata il 1° di maggio del 1947 a Portella della Ginestra, nell’entroterra palermitano, tra Piana degli Albanesi e San Giuseppe Iato. Quasi duemila tra contadini e braccianti di una Sicilia povera e disperata si erano dati appuntamento sui prati a ottocento metri di quota per celebrare la festa dei lavoratori, ascoltare un comizio sindacale e, soprattutto, passare una giornata in allegria con pranzo finale all’aria aperta”  (da Storiain.net)

Portella della ginestra è il teatro di una strage ad opera della banda di Salvatore Giuliano che spararono sulla folla uccidendo 11 persone e ferendone una cinquantina. (Ginestre sporche di sangue)

Inutile dire che non si seppero mai i mandanti.

Su quell’episodio il pittore Renato Guttuso qualche hanno dopo realizzò un dipinto, una specie di Guernica nostrana.

Renato Guttuso – Portella della Ginestra

Ma saliamo un po’ lungo la penisola e dalla Sicilia arriviamo in Campania, ovvero sulle pendici del Vesuvio.  Terreno lavico dove prosperano le ginestre notate da Giacomo Leopardi che non potè fare a meno di dedicare loro una poesia carica di simbolismi e del celebre pessimismo  (ma forse è solo un nostro pregiudizio).

Ginestre sul Vesuvio

Perchè la ginestra con quel suo giallo carico e i suoi petali lucidi è l’immagine del sole e della gioia.

E quelle macchie di giallo oro nei boschi  ai bordi delle radure a volte si sporcavano di nero fumo, di fuliggine che usciva dalle cataste di legna messe a bruciare a fuoco lento dai carbonai.

E se la fuliggine non gli è rimasta appiccicata gli è rimasto però appiccicato il nome.

Ginestra dei carbonai ovvero Ciytisus scoparius è una leguminosa arbustiva  diffusa in tutta l’Europa occidentale dalla Scandinavia alla penisola iberica e può attecchire fino a 1800 mt, slm. In Italia stranamente non la troviamo nella regione Veneto.

Preferisce terreni silicei dove forma ampi cespugli molto ramificati; è  caratterizzata da foglioline pelose trilobate (un po’ come il trifoglio) e da rami glabri e sempreverdi ma il suo periodo di maggior splendore è ovviamente quello della fioritura tra maggio e giugno.

Qui, alcune foto recenti della brughiera di Gaggio dove è una delle tre specie guida assieme al brugo e alla molinia.

I rami flessibili e poco infiammabili venivano usati per fare scope  (ecco il perchè di “scoparius) ma anche per sigillare la cima delle cataste di legna e farla bruciare più lentamente.

Da 5 quintali di legna si ricavavano circa 100 Kg di carbone vegetale ovvero carbonella usata ancora oggi per i barbecue e dai pizzaioli.

Chi manca all’appello?

Ah si… i tintori.

Infatti  i fiori della Ginestra dei carbonai possono essere utilizzati anche per tingere i tessuti  anche se per questo uso è più utilizzata una sua cugina la Genista tinctoria.

Genista tinctoria
Annunci