Archivi tag: Tulipani

LO SWING DEI TULIPANI

 

 

Non avrei mai pensato di incominciare a parlare di tulipani partendo da qui.

Dallo swing di tre ragazze ebree olandesi capitate per caso in Italia e costrette dalle leggi razziali a cambiare nome.

Sia come sia il ritornello “tulli-tulli-tullipan” è ancora uno dei motivetti più conosciuti del Trio Lescano.

Loro olandesi come i tulipani.

E invece no.

Perchè quelli che ormai sono diventati il simbolo dell’Olanda sono originari di altre terre (come moltissimi fiori… e uomini) e più precisamente dei monti del Pamir e nelle montagne dell’Hindu Kush e del Tien Shan.

E gli olandesi cosa c’entrano allora?

Beh sono stati loro a importare questa bulbosa delle liliacee in Europa attraverso gli scambi commerciali con l’allora Impero Ottomano verso la metà del 1500.

Ma agli europei il tulipano piacque così tanto che divenne subito uno status symbol e il  prezzo dei suoi bulbi crebbe rapidamente  (pare che un particolare tipo di bulbo sia arrivato a costare come una casa) e quindi anche la speculazione che però generò una bolla finanziaria (la prima della storia?) che scoppiò all’inizio del 1637.  Siamo nel periodo della Guerra dei Trent’anni  e della peste manzoniana.

Ma il tulipano ha anche una storia turca.  Infatti era (ed è) particolarmente apprezzato in Turchia dove addirittura si ricorda un periodo come “l’era del tulipano” : 1718-1730 durante il regno del sultano Ahmed III.

E del resto tulipano deriva dalla parola turca “tullband” che significa turbante, copricapo al quale il fiore assomiglia.

Elegante, vistoso, facilmente trasportabile, con un bulbo che può conservarsi fuori terra anche due o tre anni e che può gemmare generando nuovi bulbi… il tulipano ormai è diffuso in tutto il mondo.

Ma, quante specie di tulipano esistono?

A 50 anni dall’inizio della sua coltivazione in Europa i botanici ne contarono già una cinquantina di specie diverse divise in precoci, mezza stagione e tardivi, suddivisione che permane anche oggi ma esistono anche quelli rinselvatichiti, quelli screziati e un numero talmente vasto di cultivar che nessuno sa esattamente il numero.

 

Forse, per saperlo, bisogna che andiate a fare un giretto ai giardini di  Keukenhof, nei pressi di Lisse, poco ad ovest di Amsterdam (gli olandesi sono ancora oggi i “maestri” nella coltivazione dei tulipani) ma anche nell’hinterland di Milano (quest’anno ad Arese) dove una coppia di fidanzati olandesi hanno allestito un campo di tulipani con la formula del pick & pay.

 

Lì incontrerete sicuramente i Darwin, i Mendel, i Rembrandt, i Duca di Tholl, i Pappagalli  (e molte altre varietà di tulipani).

E nel mio giardino?

Tutta questa melina per finire ancora qui.

Non so di che varietà sono, non chiedetemelo, però sono i miei e per me restano i più preziosi del mondo.

 

 

 

 

 

 

 

Annunci