Archivi tag: cucurbita moschata

TROMBETTE E SERPENTI

Lagenaria longissima (fiori)

Questa volta partiamo da un orto urbano, un piccolo appezzamento ai margini dell’abitato dove noto dei fiori di zuccabianchi.

Sulle prime resto un po’ perplesso. Saranno per caso delle zucche albine?

Per fortuna mi viene in soccorso il “padrone” delle zucchine, un siciliano e mi spiega: queste sono le zucchine serpente.

Ecco perchè da queste parti non ne ho mai viste. Sono zucchine lunghe e strette che lasciate andare libere sul terreno assumono una forma ondeggiante, come il serpente che esce dal cesto al suono della trombetta dell’incantatore di serpenti.

Essendo coltivata soprattutto in Trinacria questo particolare tipo di zucchine che gli scienziati chiamano Lagenaria longissima, commercialmente è nota come Zucchina serpente di Sicilia.

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Eh sì, eccolo lì il serpente che ondeggia ballando al suono della trombetta!

E’ una delle prime immagini che a quasi tutti viene in mente a proposito dell’India (anche se ha risvolti poco conosciuti).

Ma noi qui possiamo parlare di trombette e serpenti in un altro senso,

Se, per esempio, noi chiamiamo la trombetta Cucurbita moschata e il serpente Lagenaria longissima, qualcuno sicuramente intuirà che stiamo parlando di zucchine.

Sono piante particolari che possono assumere forme strane (un po’ come tutte le cucurbitacee)

Cucurbita moschata

La Cucurbita moschata arriva dal continente americano come le altre e il suo portamento strisciante permette al frutto (la zucchina) di arrotolarsi e di assumere quella forma che poi la fa assomigliare a una trombetta ma per commercializzarla meglio oggi viene spesso coltivata a pergolato e quindi la zucchina è quasi diritta con solo un ingrossamento nella parte inferiore dove sono alloggiati i semi.

Quasi sicuramente sono stati i marinai genovesi al seguito delle spedizioni di Colombo a portarla in Italia dove ha trovato un ambiente molto favorevole nella piana di Albenga e infatti è conosciuta come Trombetta di Albenga. La sua polpa dolce e croccante si presta a numerose ricette oltre ad avere tutti i benefici della zucchina classica.

Trombetta d’Albenga

— – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

La lagenaria longissima è anche lei una cucurbitacea e prima ancora della forma del frutto si distingue per il fiore bianco (contro la maggior parte delle altre specie a fiore giallo)

Fiore zucchina serpente di Sicilia

Coltivata e apprezzata soprattutto in Sicilia non ha potuto che acquisire nel nome quella denominazione geografica ovvero “zucchina serpente di Sicilia” .

E‘ buona da mangiare solo se colta giovane, (max 40 cm. di lunghezza) più avanti la sua polpa si fa spugnosa e allora non resta che conservarla a scopo ornamentale.

Zucchina serpente di Sicilia

E’ una pianta rampicante e come il serpente si arrampica sulla cesta al suono della trombetta.

Peccato che la trombetta sta ad Albenga (Liguria) e il serpente in Trinacria.

Sarà un incantatore di serpenti o un fruttivendolo a farli incontrare?

COSA HO SCOPERTO DELLE ZUCCHE

Zucca, cocuzza, cocutia, ovvero testa per i latini e adesso anche per noi.

Se hai un po’ di sale (nella zucca)  è meglio, altrimenti ti può capitare di prendere decisioni avventate.

Ma, si sa, “tante teste, tante zucche”, cioè ognuno ha il proprio modo di ragionare.

A proposito… non sarà una decisione avventata quella di scrivere un articolo sulle zucche?  In fondo tanti ne hanno già scritto.

Ma parlare di zucche è troppo divertente,  è una esplorazione infinita (o quasi) della biodiversità.

Ne esistono infatti di diversi colori, forme, dimensioni, consistenze, ci solo quelle rugose e quelle lisce, quelle rotonde, allungate, a trombetta, a fiaschetto, verdi, arancio, a strisce… insomma potremmo parlarne per ore.

Allora partiamo facendo un po’ di ordine.

La zucca appartiene alla grande famiglia delle  cucurbitacee che comprende anche cetrioli, meloni, angurie e molte altre specie non coltivate

Nel genere zucca vero e proprio possiamo comprendere almeno 5 grandi gruppi

La cucurbita maxima: zucche rotonde ma schiacciate ai poli, dalla scorza rugosa o bitorzoluta e coriacea  di varie colorazioni  (Es.  zucca mantovana, Marina di Chioggia,Beretta Piacentina.

La cucurbita moschata:  dalla buccia liscia e di colore marroncino chiaro, arancio o anche verde, caratterizzata da una maggior quantità di polpa rispetto alla Maxima (Es. Zucca lunga di Napoli, Trombetta di Albenga, Zucca violina…)

La cucurbita Pepo è invece il classico zucchino che non se lo è preso nessuna città italiana forse perchè, anche se originario anche lui dell’america centrale,  è arrivato da noi solo nel 1700.

La cucurbita melanosperma, ovvero zucca spaghetti (per la consistenza della sua polpa, originaria del Messico, è stata adottata nei paesi orientali  e nella cucina vegana.

Infine ecco la Lagenaria siceraria zucche a forma di fiaschetta principalmente ornamentali, anticamente sfruttate come contenitori da acqua o da vino.

E la zucca di Halloween?

La più usata a tale scopo è la Connecticut Field nota anche come “Big tom” molto adatta allo scopo perchè ha poca polpa, quindi c’è poco da scavare e ha una buccia morbida, facile da scolpire.

Connecticut field – zucca di Halloween

Non sappiamo invece di che specie era la zucca della carrozza di Cenerentola, anzi no, mi dicono potrebbe essere la Zucca moscata di Provenza.

zucca moscata della Provenza

Della zucca conosciamo anche i fiori (che sono ottimi in cucina in pastella o ripieni) e ne esistono di maschili e femminili (quelli da cui poi si svilupperà il frutto)  sulla stessa pianta. In questo caso si dice che la pianta è monoica.

Per questo è necessario che siano gli insetti a impollinare la pianta, a prendersi l’importante incarico di far produrre le zucche, ma agli insetti interessa il polline, non da quale specie lo prendono e così capita spesso che si abbiano degli “ibridi naturali” cioè zucche che hanno il papà e la mamma su due piante diverse,  il colore di uno e la forma dell’altra.

E siccome gli insetti volano per lunghe distanze, anche se noi abbiamo seminato zucche di una sola specie non possiamo essere sicuri che il frutto avrà le stesse caratteristiche di quello da cui abbiamo estratto i semi.

Sicuramente un problema per i buongustai ma dal punto di vista della generazione della biodiversità, dell’evoluzione e della trasformazione continua del patrimonio genetico è un concetto molto interessante che senza dubbio avrebbe fatto felice Darwin.

Per saperne di più:

http://www.umema.it/Orto/Cucurbitaceae.htm

https://www.ideegreen.it/varieta-di-zucche-commestibili-85708.html